Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/297

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

127

disponevi. Ed oh quante si dicean più cose per le quali maggior forza acquistava empietà! In udendo tal cagion di dolore le viscere si commossero del cor mio; e prima d’ardire un che, volli due e tre volte con giuramento riudirne il racconto; ma già miserabilmente credendo, allontanatomi un poco dai narranti, a pensar di te cominciai così: Qual mai furore lo mosse? Quali Eumenidi il cuore già da pietà guernito gli invasero? Egli pacifico, egli nel fondo di mansuetudine collocato, e perciò sollecito di fuggire lasciava cadere le risse: ora infiammato d’iniquità prende a difender anche le cause altrui! Oh quanto è pericoloso il perturbamento de’ miti! ira peggiore non v’è della mite! Ciò detto, alzati gli occhi al cielo, con parole e singhiozzi interrotti presi a dire così: O Pallade, della sapienza, e perciò della quiete la Diva, che cosa mai ell’è questa? Forse s’impadronì ora del tuo campo Bellona? A chi facilmente s’apparecchiava un libro, s’appresenta ora uno scudo? invece di penna si sguaina e si porge la spada? Lì dove a perpetua quiete si attingevan delizie, ora si veste corazza, si diventa robusti? il capo già chinato col libro per giovarne intelletto e memoria, ora di cimiero armato superbamente si estolle? apparisce così! ma non fu questi sin dall’infanzia ne’ tuoi focolari educato? sì certamente; or d’onde fu che giungesse, per non dir s’inoltrasse a fierezza sì grande? ch’è ben sorprendente dal favo del miele veleni aconiti uscirne! e tu Giu-