Pagina:Boccaccio - Ninfale fiesolano di Giovanni Boccaccio ridotto a vera lezione, 1834.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

parte seconda 51

LXIX.

E tu sola fanciulla bionda e bella,
     Morbida, bianca, angelica e vezzosa,
     Con leggiadro atto e benigna favella,
     Fresca e giuliva più che bianca rosa,
     E splendiente più ch’ogni altra stella
     Sei che mi piaci più che altra cosa;
     E sola te con desiderio bramo,

     E giorno e notte ad ogn’ora ti chiamo.

LXX.

Tu se’ colei ch’alle mie pene e guai
     Sola potresti buon rimedio porre:
     Tu se’ colei che nelle tue man’hai
     La vita mia, ne la ti posso torre:
     Tu se’ colei la qual se tu vorrai
     Me da misera morte potrai storre;
     Tu se’ colei che mi puo’ atar se vuoi,

     Così volessi tu, come tu puoi.

LXXI.

E poi diceva: oimè lasso, dolente!
     Che tu se’ tanto dispietata e dura,
     E tanto se’ selvaggia dalla gente
     Che hai di chi ti mira gran paura,
     E di mia vita non curi niente,
     La qual’in carcer tenebrosa e scura
     Istà per te, e tu, lasso, non credi
     Ch’io per te senta quel che tu non vedi.