Pagina:Bonarelli, Guidubaldo – Filli di Sciro, 1941 – BEIC 1774985.djvu/332

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


tali modificazioni, che costituiscono una vera deturpazione del testo, s’era accorto, nella sua edizione del 1703, il Pegolotti, che volle perciٍ ricondurre la Filli a più sana lezione, risalendo « agli originali»: il che non impedí che parecchi altri più tardi conti- nuassero a riprodurre gli errori e le arbitrarie aggiunte dell’edi- zione veneziana. Quanto al Pegolotti, un attento esame ci ha per- suasi che quando egli parla di « originali » non allude (come qualcuno poi ha inteso) all’autografo del Bonarelli(i), di cui nulla sappiamo, ma semplicemente alla prima edizione, non senza pur lui cadere in parecchie scorrezioni e sviste. Per tutto questo noi ab- biamo creduto conveniente di attenerci alla prima stampa ferrarese, pur non trascurando le altre, specie in quei luoghi dov’essa pre- sentava evidenti errori. È noto come una delle invenzioni più ingegnose della favola, e più rispondenti al gusto dei tempi, apparve ai contemporanei quella per cui nel cuore della ninfa Celia s’accende contempora- neamente e con eguale intensità l’affetto per due pastori, ond’ella, non sapendo come uscire da si angoscioso contrasto, tenta di darsi la morte. Non pare perٍ che a tutti piacesse un’invenzione sif- erano l’api, i fiori, il mele e i favi. Onde già si vedea per soverchia dolcezza entro a’ begli occhi ،illanguidir le luci, e fra me dissi: — Oimè, certo costoro morran, se non che forse là per mezzo il furor di tanti baci non puٍ trovare strada onde l’alma sen vada. — E ancora dopo il verso 210: Oh te felice, Aminia I Ecco pur tu serbando d’amicizia e d’amor le leggi intiere fra gli amici e gli amanti puoi far pompa di gioie. O tu Celia felice I Ecco fu pur il cielo del tuo turbato core vagheggiator pietoso. (1) Campori, op. cit., p. 56.