Pagina:Bonola - La geometria non-euclidea.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


standoci però a quelli calcolati e mettendoli a confronto coi corrispondenti valori della funzione cos alfa otteniamo il seguente specchietto:


[vedi formula 180.png]cos 0° =


Lo specchietto ci fa prevedere l'identità delle due funzioni, ƒ(alfa) e cos alfa. Per avere un'ulteriore conferma di questo fatto determiniamo l'equazione funzionale a cui soddisfa ƒ (alfa).


Perciò immaginiamo applicate in un punto O quattro forze P1, P2, P3, P4, d'intensità P e formanti fra loro i seguenti angoli:

P1P2 = P3P4 = 2beta,

P2P3 = 2 (alfa – beta),

P1P4 = 2 (alfa + beta).


Determineremo la risultante R di queste 4 forze procedendo in due modi diversi.