Pagina:Bonola - La geometria non-euclidea.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


cioè la formula fondamentale della trigonometria piana euclidea. Questo risultato può utilmente riavvicinarsi alle affermazioni di Gauss e Schweikart.


§ 37. La seconda formula fondamentale della trigonometria sferica:



a cos alfa = – cos beta cos gamma + sen beta sen gamma cos -

k

col semplice mutamento del coseno circolare nel coseno iperbolico, diventa la seconda formula fondamentale della geometria log.-sferica:


a (2) cos alfa = – cos beta cos gamma + sen beta sen gamma Ch —.

k


Per alfa = 0 e beta = 90° si ricava:


a 1 (3) Ch - = --------

k sen beta


Il triangolo corrispondente a questa formula ha un angolo nullo e i due lati che lo comprendono di lunghezza infinita e paralleli [asintotici]. L'angolo beta, compreso fra il lato parallelo ed il lato perpendicolare a CA, come risulta dalla (3), è funzione di a: potremo fin d'ora chiamarlo angolo di parallelismo corrispondente alla distanza a [cfr. Lobacefski, p. 78].

Per beta = 45° il segmento BC, la cui lunghezza è calcola