Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO IV


Lavori parlamentari del dicembre del 1916


I lavori parlamentari furono ripresi nella seduta del 5 Dicembre 1916.

La seduta si iniziò con un plauso all’Esercito e all’Armata pronunziato dal Presidente della Camera On. Marcora il quale glorificò la presa di Gorizia e gli altri brillanti successi militari che si erano avuti nel corso dell’estate.

A questo plauso il Presidente del Consiglio, On. Boselli, rispose con brevi parole (qui appresso riportate), dopo le quali fece senz’altro le comunicazioni del Governo:


BOSELLI, presidente del Consiglio. (Segni di vivissima attenzione). Il Presidente della Camera ha infiammato le sue parole, come egli usa, col patriottismo suo, sempre ardentissimo e sempre eloquente. Il vostro plauso ha associato alle sue parole l’animo tutto dell’Italia. I rappresentanti della Nazione mandano così oggi un’altra volta il loro saluto reverente ed augurale al popolo italiano che combatte. (Vive approvazioni).

Il Presidente della Camera ed il vostro plauso confermano un’altra volta innanzi al mondo l’intimità cogli Alleati nostri: quell’intimità che significa uguaglianza di idealità e unione di voleri per la definitiva vittoria. (Vive approvazioni).

Al suo saluto il Presidente ha unito il ricordo dei martiri, che scrissero con il loro sangue questa nuova