Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO V


Breve intermezzo estraparlamentare


Durante l’intermezzo dei lavori parlamentari una manifestazione, meritevole di ricordo, dell’On. Boselli si ebbe il 18 gennaio 1917, giorno in cui il Presidente del Consiglio visitò, accompagnato da altri ministri, le varie opere del Comitato di Assistenza Civile di Roma.

Al saluto rivoltogli dai Presidenti di esso Comm. Appolloni e Senatore Wollemborg, l’On. Boselli, così rispose:

L’esimio Presidente, con parola alta ed eloquente come comporta la sua squisita educazione artistica, e l’amico Wollemborg, con la particolareggiata esposizione dell’opera compiuta, ci hanno condotto col pensiero e con l’animo nella visita alle varie forme di assistenza di questo Comitato. L’amico Wollemborg che ha voluto chiudere il suo dire con parole lusinghiere per il Governo e per me, ha esposto cifre. Ma quelle cifre avevano tale bagliore di persuasione che sono diventate poemi di patriottica virtù e di amore. Non saprei immaginare una più perfetta organizzazione e perciò mi rendo interprete dell’amore col quale il Governo segue l’opera di assistenza e sono lieto di esprimere questi sentimenti di ammirazione e gratitudine al Comitato romano perchè l’esempio che muove da Roma assurge