Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

141


La proposta dell’On. Petrillo fu presa in considerazione dalla Camera, la quale incaricò il proprio Presidente di nominare la Commissione incaricata dell’esame della proposta stessa.

* * *


(Mozione agraria).

Intanto, nelle tornate del marzo aveva avuto luogo una molto ampia discussione su di una mozione riguardante argomenti agrari. La mozione, presentata il 1° marzo dall’On. Miliani e sottoscritta da molti altri Deputati, tendeva principalmente ad ottenere che fosse assicurato il personale dirigente e la mano d’opera indispensabili per il lavoro nelle campagne e ciò mediante esoneri dal servizio militare e temporanee licenze da concedere ai contadini sotto le armi.

La discussione fu amplissima e toccò vari problemi agrari, non senza larghe escursioni nel campo della politica generale di guerra e in quella internazionale.

La discussione fu chiusa il 17 marzo. In quella seduta l’On. Boselli fece le dichiarazioni seguenti:


BOSELLI, presidente del Consiglio dei ministri. (Segni di vivissima attenzione). Onorevoli deputati! Per esprimere adeguatamente il pensiero del Governo intorno a questi numerosi ordini del giorno io dovrei riandare l’ampia, dotta, eloquente, pratica discussione, la quale si è estesa sopra tutti gli argomenti, che concernono la vita e la vitalità della nazione, e tratto tratto si levò all’altezza delle ispirazioni patriottiche ed auspicò ferventemente la immancabile compiuta vittoria dell’Italia e della civiltà. (Approvazioni).

Ma l’ora incalza: intorno ai singoli argomenti parlarono validamente il Commissario dei consumi e diversi ministri. Le critiche giovano, provvidi consigli ci vennero, le idee si cimentarono con la realtà dei fatti. Il Governo potè spiegare la sua politica di guerra: che altri aveva detto ingiustamente anarchia di guerra: si diradarono parecchie nubi di pessimismo, onde il paese