Pagina:Boselli - Discorsi di guerra, 1917.djvu/227

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

207

Gallenga in quanto concerne le provvidenze sociali, mentre nella prima parte mira al sempre più saldo accordo con gli alleati nella politica economica.

Hanno larga ala gli ordini del giorno dogli onorevoli Ciccotti, Vinaj, Nunziante (che afferma doversi sot trarre da ogni illecita ingerenza i poteri responsabili), Camera, Callaini, Pantano, Compans, e si estendono tutti ad argomenti che riguardano l’opera del Governo all’estero ed all’interno, la vita della nazione e la disciplina civile.

Essi danno segno di fiducia nel Ministero, anche dove sono incitatori di azione intensificatrice e vigorosa.

Ringrazio i proponenti, accogliendone il pensiero a nome del Governo, e più li ringrazio per la parola che va da essi al paese, a sempre meglio elevarne le virtù di perseverante, invitta resistenza, stupende virtù, onorevole Treves, che, come affermò testé l’onorevole Pantano, con infiammata parola, suscitando il plauso fremente della maggioranza grandissima di questa Camera, non sono solamente nell’interno del paese, ma si mantengono e si manterranno sopratutto meravigliosamente costanti nelle trincee. (Vivissime approvazioni). In quelle trincee dove va dal paese il grido dell’entusiasmo, la voce ispiratrice della patria, ma dalle quali la voce della patria torna più vibrante e muove il santissimo esempio del sacrificio e del dovere. (Applausi vivissimi).

Ed io ho fede nella vittoria dell’Italia nostra, ho fede e per le virtù del popolo che vive nell’interno del paese, e soprattutto perchè i nostri combattenti aggiungono un nuovo miracolo di valore, di quel valore che è ammirato da tutte le genti civili, onde il nome d’Italia