Pagina:Botta - Supplemento alla Storia d'Italia.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

259
XLVII. Saliceti paria delle disposizioni de’ Corsi contro gl’Inglesi, e informa Bonaparte delle sue operazioni ||
 83
XLVIII. Il Direttorio notifica a Bonaparte la condotta da tenersi con Roma, descrive la situazione delle armi francesi in Germania, e lo avvisa di esserseli spedito un corpo di 10,000 uomini ||
 84
XLIX. Il Direttorio comunica un suo decreto a Bonaparte intorno a Wurmser ||
 85
L. Bonaparte parla al Direttorio dello stato della Lombardia, degli affari di Modena, e di Parma, e della condotta del general Willot ||
 86
LI. Bonaparte fa noto al Direttorio le brame di Venezia, e di Napoli, e gli comunica le operazioni da farsi in caso di pace, o di guerra con Roma, e con Napoli, e le forze che gli sarebbero necessarie ||
 90
LII. Bonapane scrive all’Imperator di Alemagna insistendo per la pace, onde non essere obbligato alle operazioni disastrose ingiuntegli dal Direttorio ||
 93
LIII. Bonaparte scrive al Cardinal Mattei permettendogli di torna ralla sua diocesi, e gli promette protezione per i ministri del culto, purchè non si mescolino negli affari politici ||
 94
LIV. Il Direttorio ingiunge a Bonaparte di somministrare le somme necessarie al mantenimento dei membri della Commissione incaricata a scegliere i monumenti delle arti ||
 94
LV. Faipoult mostra a Bonaparte il pericolo e l’inutilità d’ogni operazione contro Genova in circostanze ch’egli crede sfavorevoli ||
 95
LVI. Bonaparte condanna la condotta tenuta con Roma, descrive la pessima situazione dell’armata d’Italia, e raccomanda al Direttorio di procurarsi amici, e sopratutto di spedir nuove truppe ||
 97
LVII. Cacault manifesta a Bonaparte l’ostinazione della Corte di Roma, e parla dell'alleanza di essa colla corte di Napoli, e delle operazioni militari che par abbiano in mente di eseguire ||
 98
LVIII. Il Direttorio fa conoscere a Bonaparte le sue vedute politiche intorno a’ paesi occupati in Italia ||
 101
LIX. Bonaparte comunica al Direttorio la felice riuscita dell’affare di Modena, e fa il quadro della disposizione de’ diversi paesi d’Italia verso i Francesi ||
 102