Pagina:Breve dissertazione contra gli errori de moderni increduli - Liguori.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Parte II. Cap. V. 125

che piace , fenza far conto di legge; e di ragione, non è viver da Uomo ragionevole, ma da bruco 2 La Reli- gione non due modellarfi, fecondo le aflioni , ma fecondo la rasipne . I Misteri della nofln .Fede , fe non fa.“ no a noi evidenti , fon . nondimeno evidentemente credibili . Le Verità {pe- euiztive circa la Religione che (Eb- bon crederfi dall'innelletto , non poi; fono provarfi colle dimoflnnionì. fifi- che e geometriche, ma colle ragioni che perfuadwo h mente.

Ma dirà cofini: E’ tegola che non E lzfci il certo per 1’ incerto . Per pri- mz, io rifpondo , quefla non può ef- fer regola generale per ogni fpeeie di cofe ; altrimenti niuno dovrebbe far più mercamie. alia di far guadagno, niunofpender più fatiche: danari per ifludizre afin di avannrfi e far far- mm, perché il guadagno , e la ,for- una è incerta ; tanto più fe alcuno fofl'e nel cafo, che fe non guadagna, abbia a perdere il mun,com’ è' nel