Pagina:Breve dissertazione contra gli errori de moderni increduli - Liguori.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
126 Contra i Deisti.

caso nostro, dove non solo si tratta di acquistare un Regno eterno di con._ tenti vivendo bene, ma di cadere in nn'<eterna miferia vivendo male . Per fecondo , i piaceri fon anche incerti. Chi n’accerta che avremo il modo di confeguirli ?Chi ne darà certamente la 'fanità necefi'aria per goderli , [pe- cialmente fe con dilbrdine faran prefi tali diletti , poichè quelli necefiaria- mente guafiano la fanità ? Chi alme. no ne aflicura , che avremo vita' e tempo di goderli , quando la vita è così incerta? Or fe'il tutto è incerto, non farebbe pazzo colui che per la {paranza di ottenere uno fcudo incer- to, vol’efl'e rinunziare alla fperanza d’ un milione ? E non farà pazzo que- gli che per la fperanza di prenderfi pochi e brevi piaceri avvelenati ( poi. che ogni piacere peccaminofo più af- fiige che contenta , per lo veleno del ri- morfo e del timore che fecoapportaril peccato) vorrà privarfi della Îperanza d’ un bene eterno, col pericolo di più d’in-