Pagina:Breve dissertazione contra gli errori de moderni increduli - Liguori.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 Contra i Materialisti.

all’incontro tante cose già prodotte in questo Mondo, dobbiamo necessariamente confessare, che vi sia un Dio Prima Cagione, e Creatore del tutto.

Si aggiunge a tutto ciò l’interno lume impresso negli Uomini dalla stessa Natura, per cui ci si manifesta l’Esistenza di Dio. Or questo lume naturale si prova dal vedere, che tutte le Nazioni han riconosciuta una Divinità Suprema, e l’hanno adorata. E se mai taluno l’ha negata in qualche tempo, in cui stava più immerso nelle passioni, e ne’ vizj, poi l’ha creduta in un’altro; Mentiuntur (dicea Seneca) qui dicunt se non sentire Deum. Or questa idea di Dio chi altri mai poteva imprimerla così universalmente agli Uomini, se non Dio stesso? Forse l’inclinazione al piacere? Nò certo perchè l’amor proprio più tosto doveva indurre l’Uomo a credere che non vi fosse alcun suo Superiore, il quale gl’impedisse di servirsi della propria libertà a suo talen-