Pagina:Breve dissertazione contra gli errori de moderni increduli - Liguori.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 Contra i Deisti.

ingìufiizia e d’inganno,dobbiamo Creta dcrc efi’ervi Certamente un’alt-m vita, c quefia .etcma( altrimenti la felicità non farebbe compita, anzi farebbe ella fiefTa tormentofa,col penfiero c’hc ha da finire), dove 17U0m0 ottenga 11 (nouch mo fine di quefia perfetta beatitudine.

Per quinto la ragione fofianziau le, che l’Anima fin Immortale, è perché cfl’endo clìar fpinimaîe, e fenza mawrìa’, non ha. parti capaci di divifione e corruzione, c perciò è Immortale: Cìm’fimplex ( vieni“: Cicerone de ‘Senefi. tap. ZI. ) îanimi numm eflèt-, mqm balzare: in fe quam admixtum, non pofl’e eam dividi .’ quòd fi ‘non poflit. ‘, mm. .ìntfiîife . Eiîcn-do dunque lÎAmìma (pinituakepu [un natura, dev’clîcrc anche mail farinmente immorxal‘e, perchè nonha principio di corruzione che la dxfirrugn ga . Non fi nega che D10 colla fua OnnipotenZa ben patrebbc dliìruggcrla, ed annîchilarh; ma allora opera rebbe da Sovrano, non già come Au-