Pagina:Busto Arsizio notizie storico statistiche.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146

Luigi Tosi, commerciante onorato, fu l'ultima delle 130 vittime che l'asiatico morbo rapiva nel 1855 in Busto Arsizio.

L'avv. Carlo Travelli il 10 di dicembre del 1859, interprete dei communi sentimenti dei Bustesi, diede l'ultimo saluto alla salma di Pietro Tosi, amministratore operosissimo del Luogo Pio di Carità, mentre si calava nella fossa: patetiche ed animate parole che ricordavano le virtuose azioni del defunto.

Il di lui figlio Carlo dottor fisico, uno degli uomini più segnalati del borgo, scrisse varj articoli nel periodico locale intitolato La Settimana, su l'agricoltura. Di recente publicò Fede e Ragione, Osservazioni sul libro di Renan Vie de Jesus. Busto Arsizio, Tip. Sociale, 1864; una memoria1 Degli usi terapeutici della Pepsina, Milano. Tip. Chiusi, 1856; un'altra su le Aque di Sales, oltre varie di medicina e chirurgia.

Giuseppe Tosi, figlio di Agostino, alunno presso il R. Conservatorio di Musica in Milano, nel 1863 venne premiato dallo stesso Istituto co'l gran premio della Medaglia d'argento. Ora appartiene, come primo Clarino, alla banda dei Carabinieri Reali in Torino e alla Cappella Reale di Sua Maestà.

Torre (della). — Antica famiglia di Busto di fazione guelfa che possiede stabili.

Travelli. — A mostrare come e in qual epoca questa famiglia passasse ad abitare nel nostro borgo fa d'uopo ricordare che l'eredità dei Rauli passò nei Bianchi, e l'ultima discendente dai secondi, Caterina, sposò Carlo Travelli da Oleggio, ricco negoziante in cereali. Questi fu assassinato da masnadieri su'l lago Maggiore. L'unico di lui figlio superstite fu quindi affidato per l'educazione a Gio. Donato Bianchi teologo di Busto, che era canonico e deputato dell'estimo nel 1795 o in quel torno. Il che seguiva ne'primi anni del corrente secolo. Di qui discende il vivente benemerito avv. Carlo, ornamento del borgo per la sua dottrina e intelligente operosità nelle opere di publico vantaggio e decoro.

  1. Questa ottenne il premio dell'Aqua pe'l 1858, sopra giudizio dell'apposita Commissione nominata nell'Ospitale Maggiore di Milano.