Pagina:Cagna - Un bel sogno, Barbini, Milano, 1871.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 64 —

vera Laura il di cui abbattimento era portato all’estremo. L’amabile giovinetta aveva pianto, e teneva gli occhi ancor pieni di lagrime rivolti verso la città.

Ermanno non era ancor giunto, ed ella n’era inquieta; non già che dubitasse di lui, il cuore le diceva che a qualunque costo ei non avrebbe mancato; ma temeva che un qualche incidente gli facesse ostacolo — Ella voleva vederlo ancor una volta per rivelargli collo sguardo tutte le pene che soffriva il di lei cuore — E quella lettera? in essa la meschina fondava tutte le sue speranze per qualche conforto, allorchè fosse giunta a casa.

— Partenza per Milano, gridò una voce roca.

Ed egli non veniva ancora; invano Laura spingeva lo sguardo ove più glie lo permetteva la scarsa luce della luna — Ad un tratto il di lei occhio scintillò di gioia, ed il cuore le balzò vivamente in seno — Era desso!

Diffatti Ermanno apparve poco lungi. Era tempo!

Laura senza punto curarsi degli altri, e spinta da un moto involontario, gli si fece incontro stendendogli la mano.

Una lettera passò da una mano all’altra in un baleno, e mentre Ermanno volgevasi a salutare Madama Ramati, Laura la nascose lestamente in seno.

— Per Milano si parte, ripetè la stentorea voce del guardia sala.

— Buon viaggio, tanti saluti allo zio.

— Mille grazie!

— A rivederci signor Ermanno, disse madama Ramati, venga presto a trovarci a Milano; l’aspettiamo.

— Non mancherà occasione.

— Addio Laura!

— Addio Letizia, e le giovinette si baciarono.