Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Alba


..... poi chè nella sorda lotta notturna
La più potente anima seconda ebbe frante le nostre catene
Noi ci svegliammo piangendo ed era l’azzurro mattino:
Ombre d’eroi veleggiavano: eran colonne d'azzurro
I puri pensieri dell'alba o cuore ricorda: ricorda e rico
piangendo


Giurammo ancor fede all'azzurro