Pagina:Campana - Il più lungo giorno, manoscritto, 1913.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


beffarda nell’aria una melodia che non si ode si indovina solo alle scosse di danza bizzarra che la scuotono. C’erano due povere ragazze sulla poppa: Leggera, siamo della leggera: te non la rivedi più la lanterna di Genova. Che importanza in fondo pensavo! Ballasse il bastimento ballasse fino a Buenos Aires questo dava allegria e il mare rideva con noi del suo riso così buffo e sornione. E la barcaccia della miseria ballava ballava sull'infinito. Ma non so se fosse il mal di mare o il disgusto che il mio riso mi dava:............:perchè certo era la bestialità irritante del mare, quel grosso bestione che rideva così bestialmente