Pagina:Campanella, Tommaso – Poesie, 1915 – BEIC 1777758.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
126 scelta di poesie filosofiche


disse Salomone in Ecclesiaste: «Quia eadem cunctis eveniunt, corda filiorum hominum implentur malitia», ecc., e perché «vidi iustos, quibus mala eveniunt, malos autem, qui ita securi sunt ac si bene egissent».

madrigale 3

Io, con gli amici pur sempre ti scuso
ch’altro secolo in premio a tuo’ riserbi,
e che i malvagi in sé sieno infelici,
sempre affligendo gli animi superbi
sdegno, ignoranza e sospetto rinchiuso;
e che di lor fortune traditrici
traboccan sempre al fine. Ma gli amici,
se, quelli dentro e noi di fuor, siamo
tutti meschini, chieggon la cagione,
che fa nel nostro mal tue voglie buone;
che se gli altri enti, e noi, figli d’Adamo,
doveamo trasmutarci a ben del tutto
di magione in magione,
perché non fai tal muta senza lutto?

Risponde che a’ buoni s’aspetta un’altra vita in premio. E che di piú in questa vita gli tristi sono piú puniti in veritá, che gli buoni internamente, bench’e’ non paia; come pur disse san Piero a Simon mago, ecc. Ma di ciò nasce maggior dubbio: perché Dio fa che ci sia tanta meschinitá tra buoni e malvagi? E se la mutazione fa questo, perché non ordinò che le cose si mutino senza sentir dolore?

madrigale 4

Senza lutto se fosse, senza senso
sarian le cose e senza godimento,
né l’un contrario l’altro sentirebbe,
né ci saria tra lor combattimento,