Pagina:Campanella - La Città del Sole, manoscritto, 1602.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

8v

[versione diplomatica] cina; et nelle1 stanze; nelli vasi, e nelle vestimenta stimano assai la politia. Vesteno dentro camisa bianca di lino, sopra2 un vestito con giubbone, e calze insieme sẽsa pieghe; e spaccato p̃ mezo dal lato, e di sotto e poi imbottonato. Et arriva la calza sin al tallone, a cui si pone un pedal grande come bolzacchino, e la scarpa sopra; e son ben attillate, che quando si spogliano la sopravveste si scerneno tutte le fattezze della persona. Si mutano le vesti quattro volte varie, qñ il Sole entra , et et ; e, secondo la complessione, e decentia stà al medico di distribuirle col vestiario di ciascun girone, et è cosa mirabile che in un pũto hanno quante vesti vogliono grosse, sottili, secondo il tempo &. Veston tutti di bianco, ed ogni mese si lavan le vesti col sapone, ò bugata q̃lle di tela.

Tutte le stanze sottane officine, cucine, granari, guardarobbe, dispense, vivandarÿ, et lavatorÿ ma si lavano nelle pile delli chiostri, l’acqua si getta per le latrine, ò canali che vanno a quelle. Hanno in tutte le piazze delli gironi le loro fontane, che tirano l’acque dal fondo solo cõ muover un legno, onde esse spicciano


[versione critica]

cina; et nelle1 stanze; nelli vasi, e nelle vestimenta stimano assai la politia

Vesteno dentro camisa bianca di lino, sopra2 un vestito con giubbone, e calze insieme sensa pieghe; e spaccato per mezo dal lato, e di sotto e poi imbottonato. Ed arriva la calza sin al tallone, a cui si pone un pedal grande come bolzacchino, e la scarpa sopra; e son ben attillate, che quando si spogliano la sopravveste si scerneno tutte le fattezze della persona. Si mutano le vesti quattro volte varie, qando il Sole entra Cancro, e Capricorno Ariete e Bilancia; e, secondo la complessione, e decenza sta al medico di distribuirle col vestiario di ciascun girone, ed è cosa mirabile che in un punto hanno quante vesti vogliono grosse, sottili, secondo il tempo ecc. Veston tutti di bianco, ed ogni mese si lavan le vesti col sapone, o bugata quelle di tela.

Tutte le stanze sottane officine, cucine, granari, guardarobbe, dispense, vivandari, e lavatori ma si lavano nelle pile delli chiostri, l’acqua si getta per le latrine, o canali che vanno a quelle. Hanno in tutte le piazze delli gironi le loro fontane, che tirano l’acque dal fondo solo con muover un legno, onde esse spicciano

  1. 1,0 1,1 [nelli?], ndt.
  2. 2,0 2,1 [poi], ndt.