Pagina:Campanella - La Città del Sole, manoscritto, 1602.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

10r

[versione diplomatica] buoni, ma il satellizio solo nella fondazione della Città, e della legge ricercano che però non habbia principi o ,1 et han per peccato li generatori nõ trovarsi mõdi trè giorni avanti di coito e d’attioni prave, e di nõ esser devoti al Creatore. Gli altri, che per delitia o p̃ servire alla necessità si donano al coito cõ sterile ò pregne, ò cõ donne di poco valore nõ osservan queste sottigliezze. E l’officiali che son tutti sacerdoti, e li sapienti nõ si fanno generatori, se nõ osservano molti giorni più condizioni; perch’essi, p̃ le molti speculationi, han debole lo spirito animale; e nõ transfondeno il valor della testa, perche pensano semp̃ a qualche cosa, onde trista razza fanno, talche si guarda bene, e si donano questi a donne vive, gagliarde e belle. E l’huoĩ fantastici, e capricciosi alle donne grasse, temperate, di costumi blandi. e dicono che la purità della complesse, onde le virtù fruttano, nõ si può acquistare con arte: e che l’huoĩ di mala natura p̃ timor della legge fanno bene: e q̃lla cessante struggon la repub. cõ manifesti, o secreti modi; però tutto lo studio principale dev’essere nella generatione, e mirarsi li meriti nãli, e nõ la dote, ò la fallace nobiltà.

Se alcune di queste donne nõ concipeno cõ uno, la


[versione critica] buoni, ma il satellizio solo nella fondazione della città, e della legge ricercano che però non abbia principi Marte o Saturno,1 ed han per peccato li generatori non trovarsi mondi tre giorni avanti di coito e d’azioni prave, e di non esser devoti al Creatore. Gli altri, che per delizia o per servire alla necessità si donano al coito con sterili o pregne o con donne di poco valore, non osservan queste sottigliezze. E gli officiali, che son tutti sacerdoti, e li sapienti non si fanno generatori, se non osservano molti giorni più condizioni; perch’essi, per le molti speculationi, han debole lo spirito animale; e non transfondeno il valor della testa, perché pensano sempre a qualche cosa; onde trista razza fanno, talché si guarda bene, e si donano questi a donne vive, gagliarde e belle. E l’uomini fantastici, e capricciosi alle donne grasse, temperate, di costumi blandi. E dicono che la purità della complessione, onde le virtù fruttano, non si può acquistare con arte: e che l’uomini di mala natura per timor della legge fanno bene: e quella cessante struggon la republica con manifesti, o secreti modi; però tutto lo studio principale dev’essere nella generazione, e mirarsi li meriti naturali, e non la dote e la fallace nobiltà.

Se alcune di queste donne non concipeno con uno, la

  1. 1,0 1,1 Annotazione sul margine sinistro, ndt.