Pagina:Campanella - La Città del Sole, manoscritto, 1602.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

2r

[versione diplomatica]

d’altura quasi insensibili distinte le scale. Nella sommità del monte v’è un gran piano, et un grã tempio in mezzo, di stupendo arteficio. Hos. Seguita in cortesia. G. Il tempio è tondo p̃fettamỹ, e non ha muraglia, che lo circonda ma sta situato sopra colonne grosse, e belle assai; la cupola grande ha in mezzo una cupoletta con uno spiraglio, che pende sopra l’altare, ch’è uno solo, e sta nel mezzo del tempio. Girano le colonne trecento passi, e più, e fuor delle colonne della cupola vi son p̃ otto passi li chiostri con mura poco elevate sopra le sedie, che stan d’intorno al cõcavo dell’esterior muro; benche in tutte le colonne interiori, che senza muro fraposte tengono il tempio, vi siano sedie portatili assai; sopra l’altare ň v' è altro, ch’un Mappamondo assai grãde dove tutt’il cielo è dipinto; et un’altro dov’è la terra, poi sul cielo della cupola vi stanno tutte le stelle maggiori del cielo, notate cõ i nomi loro e virtù, ch’hanno sopra le cose terrene cõ tre versi per una, ci sono i poli, et i circoli segnati non del tutto, perche ci manca il muro a basso; ma si vedono si noti in corrispondenza nelli globbi dell’altare. V’è semp̃ accese sette lampadi nominati dalli sette pianeti; sopra il tempio vi stanno


[versione critica]

d’altura quasi insensibili distinte le scale. Nella sommità del monte v’è un gran piano, e un gran tempio in mezzo, di stupendo arteficio.

Ospitalario
Seguita in cortesia.
Genovese
Il tempio è tondo perfettamente, e non ha muraglia, che lo circonda ma sta situato sopra colonne grosse, e belle assai; la cupola grande ha in mezzo una cupoletta con uno spiraglio, che pende sopra l’altare, ch’è uno solo, e sta nel mezzo del tempio. Girano le colonne trecento passi, e più, e fuor delle colonne della cupola vi son per otto passi li chiostri con mura poco elevate sopra le sedie, che stan d’intorno al concavo dell’esterior muro; benché in tutte le colonne interiori, che senza muro fraposte tengono il tempio, vi siano sedie portatili assai; sopra l’altare non vi è altro, ch’un Mappamondo assai grande dove tutt’il cielo è dipinto; e un’altro dov’è la terra, poi sul cielo della cupola vi stanno tutte le stelle maggiori del cielo, notate con i nomi loro e virtù, ch’hanno sopra le cose terrene, con tre versi per una, ci sono i poli, e i circoli segnati non del tutto, perche ci manca il muro a basso; ma si vedono si noti in corrispondenza nelli globbi dell’altare. V’è sempre accese sette lampadi nominati dalli sette pianeti; sopra il tempio vi stanno