Pagina:Cantoni - Trattato completo di agricoltura, 1855, I.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

materie grasse vegetali. 111

di mandorle dolci, o l’olio d’ulivo. Quest’acido è il più debole, è liquido sopra i 14°, ed assorbe facilmente l’ossigeno.

§ 120. Diconsi cere alcune sostanze, consimili alla cera delle api, che trovansi in diverse piante. Per la loro composizione e proprietà s'avvicinano ai corpi grassi; poichè sono insolubili nell’acqua, ma si sciolgono nell’alcool, negli olii e negli eteri; e si fondono facilmente. Si riscontrano le cere nella fecola verde d’alcuni vegetali, per esempio in quella che sta nell’interno delle foglie. Nei nostri climi si riscontra sulla superficie di molte foglie, come nelle varie specie di cavoli, e sopra alcuni frutti, come sulle prugne, sugli acini dell’uva; nella palma e nella canna da zuccaro ne esiste una discreta quantità. Nelle piante dei climi caldi la cera che riveste la scorza e le foglie sembra essere destinata ad impedire la soverchia evaporazione dell’umidità; e nelle piante acquatiche e marine a difenderle dall’azione solvente dell’acqua.

Le cere non sono tutte identiche; contengono vere materie saponificabili, ed altre consimili alle resine. La cerina che ne forma la base si esprime colla formola C54H54O4.

§ 121. Dai vegetali si ottengono naturalmente o coll’arte alcune altre sostanze volatili, quasi sempre d’odor forte, spesso aggradevole, dette Essenze; che per la massima parte hanno la formola C5H4.

Le essenze generalmente sono liquide alla temperatura ordinaria; alcune però sono solide. Si ottengono coll’arte dai sughi vegetali distillandoli coll'acqua, come dai fiori di rose, d’arancio; altre colla pressione, come colla scorza di limone e di bergamotto; altre trasudano liberamente da alcune piante, come la trementina e la canfora.

La composizione delle essenze varia assai: per esempio alcune sono composte da solo carbonio ed idrogeno; come quella di trementina, di limone, arancio, ginepro, sabina, cedro. Alcune contengono anche l’ossigeno, come quelle di mandorle amare, cannella, garofano, anici, finocchio, menta, lavanda, ros-