Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 195 —


lì, innanzi al letto della sua bambina in agonia!

A un tratto, si scosse, s’avvicinò a Gerace, e presagli risolutamente una mano:

— Andrea, tu m’inganni!

E senza dargli tempo di rispondere, tratto dal taschino del vestito un piccolo foglio, glielo spiegazzava sotto gli occhi.

— Vile usuraio! — borbottò Andrea, riconosciuta la sua cambiale.

— Che ti ha spinto a questo? — riprese Giacinta.

— Ah! forse tu credi che l’abbia mandato qui io?

— Perchè una cambiale? Perchè volerla rinnovare?

— È una cosa che mi riguarda — rispose Andrea mortificato.

— E me no, dunque?... Oh, Andrea! Tu mi inganni, tu non m’ami più! Perchè ricusi di servirti del mio denaro? Non è anche cosa tua? Ti ho mai chiesto conto di nulla? Non sei padrone assoluto? Tu m’inganni! Tu non m’ami più!

— Calmati! Zitta...

Quei rimproveri a voce repressa lo colpivano vivamente, lo sbalordivano. Era la prima volta ch’ella glieli faceva così aperti.

— Sono sempre lo stesso, credimi!... Solamente... non volevo abusare...

E, per rabbonirla, la stringeva tra le bracca, la baciava.

— Non mentire! — riprese Giacinta con la voce raddolcita. — Non me lo merito. Abbi il coraggio di dirmi che non m’ami più, se mai fosse vero che tu non m’ami più; abbi il coraggio di dirmelo! Preferisco questa spaventevole certezza al tormento del dubbio. Tu sei tutto per me! Perchè non dovresti più amarmi? Che ti ho fatto di male?