Pagina:Capuana - Giacinta.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 229 —


— Chiodo schiaccia chiodo — rispose la signora Villa tranquillamente.

— Dev’esser una cosa assai triste!

— La prima volta sì; ma ci si abitua subito. Gli uomini, cara mia, al giorno d’oggi... Provatone uno, gli hai provati tutti. Comincio a credere che i mariti (sia detto tra noi) valgono più degli amanti. Se non che, capisci?...

Giacinta non capiva nulla.

Nei momenti più desolati, quando giungeva ad esclamare: — Perchè non faccio come le altre? — all’idea d’un secondo amante abbrividiva.

— Come fanno a mutar d’amante ogni stagione?

Allora non si abbandonava più alla fatalità della sua sorte, non si lasciava andare come un corpo morto in balia delle circostanze e del caso; la impotenza della rassegnazione si mutava in furore. E voleva riprenderselo tutto per sè quell’uomo, che tentava di fuggirle; trattenerlo fermo, col valido polso d’una volta, anche a dispetto di lui; fargli sentire nuovamente la saldezza del suo carattere, la prepotenza del suo affetto, domarlo, prostrarlo, attaccarselo con ogni mezzo, poichè sapevasi la più forte.

E la tempesta scoppiava.

— Come sei ingiusta!— disse Andrea uno di questi giorni.

— Sta zitto!... Non recitar la commedia!

— Come sei ingiusta!

Ella lo squadrava da capo a piedi, fieramente. Era già sicura ch’egli mentiva; pure replicò!

— Se tu menti, commetti un’infamia! Se tu menti, commetti un’infamia!

— Ah!... Commetto un’infamia? — esclamò Andrea, scattando in piedi. — Ma l’ho commessa egualmente,