Pagina:Carlo Rosmini Ragionamento degli Scrittori Trentini 1792.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
10 Ragionamento

lando ancora, fra quali per singolar modo si distinse il Marino, essi non peccarono già, come la più parte oggi peccano de’ moderni, o per ignoranza, o per poco zelo de’ buoni studj, o per dissipazione, o per niun desiderio di gloria, ma sibbene, come più sopra toccai, per eccessivo amore di novità, e per una smodata ambizion di distinguersi e di divenire originali, non sapendo come superare, tracciando l’istessa carriera, i Petrarchi, gli Ariosti, e i Tassi, e isdegnando d’altra parte d’esser confusi fra i numerosi loro e colti seguaci. Un solo è il buon gusto, e una sola via vi conduce: chi una novella strada si vuole aprire, è forza che il perda di vista, e perda se stesso. E in fatti di vista il perderono la maggior parte de’ Secentisti: ma non pertanto a fatica non perdonavano, e non a studio indefesso, come apparisce pur anche dalle guaste loro opere, piene d’arte e di lumi d’ogni maniera. Sebbene in parte mal coltivati, erano però gli studj in fervor nel secento e in onore. Perchè avvenne, che in alcuni, i quali lungo tempo perdettero in compor libri dell’universal pece intinti, si riscossero finalmente, conobbero i loro errori, e divennero i riformatori più zelanti dell’ottimo gusto, che agli altri dieron l’esempio; come sappiamo aver fatto il Vincenzo Maggi, il Manfredi, e il nostro Girolamo Tartarotti, per