Pagina:Castiglione - Il libro del Cortegiano.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 il cortegiano


in un’ora io, che quello che avete fatto in quattro voi.

LXXI. È ancor bello, quando con una risposta l’uomo riprende quello che par che riprendere non voglia. Come il marchese Federico di Mantua, padre della signora Duchessa nostra, essendo a tavola con molti gentiluomini, un d’essi, dapoi che ebbe mangiato tutto un minestro, disse: Signor Marchese, perdonatemi; — e così detto, cominciò a sorbire quel brodo che gli era avanzato. Allora il Marchese subito disse: Domanda pur perdono ai porci, chè a me non fai tu ingiuria alcuna. — Disse ancora messer Nicolò Leonico, per tassar un tiranno ch’avea falsamente fama di liberale: Pensate quanta liberalità regna in costui, che non solamente dona la roba sua, ma ancor l’altrui.

LXXIII. Assai gentil modo di facezie è ancor quello che consiste in una certa dissimulazione, quando si dice una cosa, e tacitamente se ne intende un’altra; non dico già di quella maniera totalmente contraria, come se ad un nano si dicesse gigante, e ad un negro bianco, ovvero ad un bruttissimo bellissimo, perchè son troppo manifeste contrarietà, benchè queste ancor alcuna volta fanno ridere; ma quando con un parlar severo e grave. giocando si dice piacevolmente quello che non s’ha in animo. Come dicendo un gentiluomo una espressa bugia a messer Augustin Foglietta, ed affermandola con efficacia, perchè gli parea pur che esso assai difficilmente la credesse, disse in ultimo messer Augustino: Gentiluomo, se mai spero aver piacer da voi, fatemi tanta grazia che siate contento, ch’io non creda cosa che voi diciate58. Replicando pur costui, e con sacramento, esser la verità, in fine disse: Poichè voi pur così volete, io lo crederò per amor vostro, perchè in vero io farei ancor maggior cosa per voi. Quasi di questa sorte disse don Joanni di Cardona d’uno che si voleva partir di Roma: Al parer mio, costui pensa male; perchè è tanto scelerato, che stando in Roma ancor col tempo potria esser cardinale. — Di questa sorte è ancor quello che disse Alfonso Santacroce; il qual avendo avuto poco prima alcuni oltraggi dal Cardinale di Pavia, e passeggiando fuori di Bologna con alcuni gentiluomini presso al loco dove si fa la giustizia, e vedendovi un uomo poco prima impic-