Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

109

i°9 Annotazioni alla Lettera 105.

(A) Qnesta lettera è scritta dalla terra di ». Quirico, luogo del territorio di 5ena, lon nella diocesi di Pienza sa l.i strada cbe mena a Roma, Inngi da Siena riessa renti miglia, risgnardandosì 1’ oriente. Fu già assai celebre ad altri tempi per avervi fatta lunga dimora un commissario imperialeche tenea iu cura gli affari di Toscana. Al presente è illustre marchesato della famiglia Chi^i Zonciadari di Siena,

\ è splendidissimo palazzo ad u*o d’ essa fabbricatoti dal cardinale Flavio Chigi. La santa abitò nello spedaletto che v’ avevano i padri di a. Domenico; lasciato già ad Uso loro e de* padri di *. Francesco in sino dal secolo drcimoterzo.


(B) Pregovi pietosamente che tu’assolviate. Dovrà a quel tempo Fra Tomaso tener 1’ ufficio di confessore della santa, onde la lettera sarebbe scritta innanz alP agosto del ili cui renne a Siena Fra Raimondo. S’accusa perciò delle sue colpe, delle quali chiede assoluzione non sacramentale, da che questa non può darsi che di presenza, ma una tale assoluzione che vaglia come di perdono, rendendosi ella in culpa di non essere stala obbediente appieno a’ suoi detti.

(Q Che fuste al corpo di santa Agnesa. C’oe a Montepulciano a venerarvi il corpo della beala Agnese, che a quell’età era alla cura di sagre vergini dtHOrdine domenicano.

(D) Pregate Dio per Joanna Pazza. Una delle compagne e confidenti di santa Caterina, di cu’; si favellerà nelle annotazioni alla lettera 3/,4. .