Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

129

129 A FRATE BARTOLOMEO DOMINICI dell’ordine de’predicatori in asciano.

I. Desidera vederlo illuminato con perfetto lume e valore di Spirito Santo e con vera sapienza per convertire F anime a Dio, mostrandoli come ciò s’ottiene colla considerazione della divina carità verso di noi, e del sangue di Gesù Cristo.

II. Lo rar..uag!ia, com’era incerta della sua venuta per le sue indisposizioni; o finalmente gli raccomanda alcuni negorj di certi suoi figliuoli e sorelle.

%lctUxix 112» Al nome di Jesà Cristo crocifisso

di Maria dolce L& voi, dilettissimo e carissimo fratello e figliuolo mio in Cristo Jesù. lo Catarina, serva e schiava de’servi di Dio, scrivo e contortovi nel prezioso sangue del Figliuolo suo, con desiderio di vedere in voi adempita quella parola che disse il nostro Salvatore a’discepoli suoi, cioè: voi sete luce del mondo ed il sale della terra; co/i desidera l’anima mia con grandissimo desiderio, che voi siate voi quello figliuolo alluminato del lume e calore dello Spirito Santo, condito col sale del vero cognoscimento e della vera sapienzia, sicché cacciate con perfetta sollicitudine il peccato e le dimonia delle tenebrose anime delle crea-