Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154

154 quanto è fatto e creato da Dio: continua, dico, tratta del cognoscimento della bontà di Dio in sè, dove ha veduto che continuamente Iddio adopera in lui, versando le moltre grazie e diversi benefizj sopra di lui!

e dissi fedele, che in verità speri, e con viva e ferma fede creda che Iddio sa, può e vuole esaudire le giuste petizioni nostre, e dare le cose necessarie alla nostra salute. Or questa è quella orazione che vola e trapassa infino all’orecchia di Dio, e sempre è esaudita;.ma non veggio che si possa fare.con freddezza di cuore; e però vi dissi che io desideravo di vedervi morire spasimato; la qual cosa procede dal fervente desiderio che l’anima, ha a. Dio. Orsù, figliuolo carissimo, risentianci a tanta necessità, quanta vediamo nella santa Chiesa: mugi il desiderio vostro sopra questi morti, e non ci ristiamo per fino a tanto che Dio volla I* occhio della sua misericordia.

II. Il santo padre Urbano VI m’ha conceduta la indulgenzia (A) di colpa e pena per voi, e per più altri, e sete obligato nelle confessioni e predicazioni inducere la gente a fare la loro possibilità, che il comune renda il debito al santo padre e sovvenirlo in tanta necessità. A questo sete obligato voi e tutti gli altri frati, a cui elli l’ha conceduta; e però virilmente.annunziate questa verità. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Jesù dolce, Jesù amore., . » 5 * . ’ J f, 1 . ’ * l