Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20

20 negaste; ma aprite l’occhio dell* intellelto, e vedete che tiene dal cielo’ alla terra, perocché bene di. tèrra non si poteva fare di*tanta grandezza che fusse sufficiente a passare il fiume e darvi vita, sicché esso unì V altezza del cielo, cioè la natura divina con la terra della vostra umanità. Convienvi dunque tenere per questo ponte cercando la gloria del nome mio nella salute dell’anirne, sostenendo con pena le molle fatiche, seguitando le vestigie di questo dolce ed amoroso Verbo. Voi sete miei lavoratori, che v’ho messi a lavorare nella vigna della santa Chiesa, perocché io voglio fare misericordia al mondo, ma guardate che voi non teniate di sotto, perocché ella non è la via della verità. Sai tu chi sono coloro che passano di sotto a questo ponte? sono gl’iniqui peccatori per li quali io vi prego, che mi preghiate, e per cui vi richieggo lagrime e sudori, perocché giacciono nelle tenebre del peccato mortale, costoro vanno per lo fiume, e giongano all (sterna dannazione, se già essi non tolgono il giogo mio, e pongonlo sopra di loro, ed alquanti sono che col timore della pena si recano dalla riva ed escono dal peccato mortale, sentono le spine delle molte tabulazioni, e però sono escili dal fiume, ma se essi non commettono negligenza e non dormono nell’amore pioprio di loro, medesimi, essi s’atlaccano al ponte e cominciano a salire amando la virtù/cma se essi permangono nell’ amore proprio ed in negligenza, ogni cosa lo’fa male e non sono perseveranti, ma uno vento contrario che gionga gli fa tornare al vomito; veduto che ebbe in quanti diversi modi l’anima s’annegava, ed elli si diceva, mira quelli che vanno per lo ponte di Cristo crocifisso, e molli no vedeva cli

conivano senza alcuna pena, perchè non avevano il peso della propria volontà, c quesli erano i veri figliuoli, i quali abbandonati loro medesimi, andavano coii ansielato desiderio, cercando solo l’onore di Dio e la salute dell mime. F.d e quei dcH’afietlo loro tenevano ed andavano per Crisio crocifisso, che era