Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

219

2IQ Aiuiotazioiù aliti Lettera 131, (A) Questa lettera scrìtta n frate Antonio ria ^zza nell’antiche impressioni era posta due volte, cioè al numero i3o ed al umnero 142 di quelle d’Aldo, ma con differente titolo, poiché ove uell’una ieggesi dirizzata a questo religioso, l’altra a’avea quest’altro. Ad un suo il’moto padre spirituale scritta, della tentazione del dimonio circa la nostra propria volontà, e come spesso la volontà s’inganna.

Ancora nel testo a penna di s. Domenico era questa lettera con titolo differente, cioè: Ad uno che desiderava ben vivere secondo l)io. Ma non è di verità, che una lettera, e probabilmente indirizzata solamente a frate Antonio. ?»oo è però riuscito a male l’averla replicai.» nelle stampe antiche, poiché essendo al numero i3o impressa con mollissimi errori sull’esemplare dell’altra’ assai più corretto, ci è riuscito di darla senza que’ falli, de’quali era per toruare assai diQiciìe il purgarla.

(B) Disse una volta ec. Alla santa medesima, come più Tolte fu osservato.

1 i