Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

253

253 cInnotasioni itila Lettera 13S.

(J) Questo Matteo eletto di Fazio, o meglio di Cenni da Fazio, cui sono dirette altre: lettere della santa, fu posto al governo dello spedale il primo di settembre del 1373. Per la segnalata sua virtù fu caro oltre modo a questa Tergine da coi fu tornato n perfetta salute., mentre colpito dalla peste del i374 j starasene di già ’fidilo della vita. Quello spedale era stato ua secolo primi fonduta dal beato Andrea Gallerani.il rettore venia eletto dal senato della città a coi facean voto d’obbedienza, e staTan soggetti tutti che al conforto degl infermi ivi adoperavano, ed erauo delti frali della Misericordia. Ma nel 1/J08, (applicatesi le rendite allo spedai grande delia città) per lolere di Niccolò V, venne il luogo destinato al1’ università.

(Z?) Co’ membri legali e tagliati Cioè que che non erano separati dalla santa Chiesa per Ternna censura, e qnei che n’ erano divisi per lo interdetto e scomunica, come multi de’ popoli di Toscana.

(C) Per Jesù Cristo nostro Signore. Le orazioni più antiche che usa la Chiesa, sono per lo più indirizzate al divino Padre, giusta l’ordinazione del Concilio terzo cartaginese, onde anche terminano col richiederlo delle grazie pe* meriti del divino Figliuolo. Quella che qui brama la santa singolarmente è della riforma de’prelati, chiamati per essa io più luoghi lupi e bramandoli agnelli.