Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

73

con esse, ed anco perchè meglio si conformano con Cristo crocifisso con la pena che col diletto. Adunque, carissimo e dolcissimo padre, con pianto ci leviamo dal sonno della negligenza, riconoscendo le grazie e benefizj, che vecchi, e nuovamente arete ricevuti da Dio e da quella dolce madre Maria, per lo cui mezzo confesso che nuovamente avete ricevuta questa grazia (B). In questo dono vuole Iddio che cognosciate il fuoco della sua carità, nella quale cantà, col lume della santissima fede, più largamente e liberamente abbandonate voi per lo suo onore ed esaltazione della santa Chiesa, e del vero vicario di Cristo papa Urbano VI; e dilatatevi in speranza, sperando nella providenzia ed adiutorio divino senza veruno timore servile, e non in.uomo, nè in vostra industria umana: anco ha voluto che cognosciate la vostra imperfezione, mostrandovi che voi sete anco fanciullo di latte e non uomo che vi notrichiate di pane, che se egli avesse veduto che voi aveste denti da ciò, ve n’avarebbe dato, siccome fece agli altri vostri compagni: non fuste ancora degno di stare in sul campo della battaglia, ma come fanciullo ne fuste cacciato indietro, e voi volentieri ne fuggiste ed aveste grazia di allegrezza che Dio concesse alla vostra infirmità. Cattivello padre mio, quanto sarebbe stata’beata l’anima vostra eia mia, che col sangue vostro voi aveste murata una pietra nella santa Chiesa per amore del sangue. Veramente noi abbiamo materia di pianto di vedere che la nostra poca virtù non ha meritato tanto bene. Or gittiamo i denti lattajoli, e studianci di mettere i denti gravati dell’odio e dell’ amorer mettianci la panciera della carità con lo scudo della santissima fede, e come uomini cresciuti corriamo al campo della battaglia e stiamo fermi con una croce di dietro ed una dinanzi, acciocché non potiamo fuggire; che andandovi grandi ed armati, non saremo più cacciati dal campo; acciocché Dio in voi ed in me, e negli altri infonda questa grazia, oggi cominceremo ad offerire lagrime con ansietato desiderio