Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77

quale cominciassimo ad operare, ma ogni cosa verrebbe imperfetta, lenti saremmo nella carità di Dio e del prossimo. La ragione è questa, che pare che tanto sia l'amore quanta è la fede, e tanta la fede quanto l’amore. Chi ama è sempre fedele a colui cui egli ama, e fedelmente il serve infino alla morte; a questo mi avveggo io, che in verità io non amo Dio, nè le creature per Dio, che se in verità io l’amassi, io sarei fedele per sì fatto modo, che io mi metterei alla morte mille volte il dì, se fusse bisogno, e possibile per gloria e loda del nome suo, e non mi mancarebbe fede; perchè per amore di Dio, e della virtù, e della santa Chiesa mi metterei a sostenere; unde io crederei che Dio fusse il mio adiutorio ed il mio difensore, siccome egli era di quelli gloriosi martiri, che con allegrezza andavano al luogo del martirio. Se io fusse fedele non temerei, ma terrei di fermo, che quello Dio è per me, che è per loro: e non è infermità la potenzia sua a potere sapere e volere provedere alla mia necessità, ma perchè io non amo, non mi confido in lui in verità, ma in me il timore sensitivo mi dimostra, che tiepido sia l’amore ed offuscato il lume della fede con la infidelità verso il mio Creatore, e col fidarmi di me confesso e non lo niego, che questa radice anco non è dibarbicata dall’anima mia, e però sono impedite l'operazioni che Dio mi vuole fare o mettere nelle mani che non giungono a quello fine lucido e fruttuoso, per lo quale Dio le fa cominciare. Oimè, oimè, Signor mio, guai a me misera: e trovarommi io in ogni tempo, in ogni luogo ed in ogni stato così? chiudarò io sempre con la mia infidelità la via alla providenzia tua? Sì bene; se già tu per la tua misericordia non mi disfai e rifai di nuovo. Adunque, Signore, disfammi, e rompi la durezza del cuore mio, acciocchè io non sia strumento che guasti le tue operazioni, e prego voi, carissimo padre, che ne preghiate strettamente, acciocchè io insieme con voi ci anneghiamo nel sangue dell’umile Agnello, il quale ci farà forti e fedeli: