Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

79

V. N parte, compirà Dio per la bontà sua, ma non m’è venuto fatto, perocché voi avete saputo trovare de modi da gittare a terra la soma, ed hacci molte pezze per ricoprire la infedele fragilità, ma non sì fatte, che 10 non vegga di presente assai., e buono mi parrà, se non saranno yeduti altro che per me: Sicché io vi mostro 1‘amore cresciuto in me verso voi, e non mancato, ma che dirò 10, che la vostra ignoranzia desse luogo ad uno de’min mi di quelli pensieri? E potreste voi mai credere, che io volessi altro che la vita dell’anima vostra?

e dove è la fede che sempre solete e dovete avere? e la certezza che ne avete avuta? che prima che la cosa si faccia, ella si vede e determina nel cospetto di Dio, non tanto questo che è cosi grande fatto, ma ogni minima cosa; se fuste stato fedele, non sareste tanto andato vacillando, nè caduto in timore verso Dio e verso me, ma come figliuolo fedele, pronto all’obedienzia, sareste andato e fatto quello che aveste potuto fare; e se non poteste andare dritto, fuste andato carpone, se non si poteva andare come frate, fussesi andato come peregrino; se non ci ha denari, fussesi andato per elemosina. Questa obedienzia fedele avarebbe più lavoralo nel cospetto di Dio e nei cuori degli uomini, che non farebbero tutte le prudenzie umane. I miei peccati hanno impedito, che io non l’ho veduta in voi, nondimeno io son ben certa, che benché ci fusse la passione, pure aveste ed avete santo e buono rispetto, e per meglio compire la volontà di Dio e quella di Cristo in terra, papa Urbano VI, non vorrei però che. voi non fuste andato, ma che subito vi fuste messo in cammino per quello modo e per quella via che v’ era posta innanzi. 11 dì e la nolte era.io costretta da Dio e di molte altre cose, le quali perla poca sollicitudine di chi l’ha a fare, ma massimamente per le mie iuiquitadi, che impediscono ogni bene, tutte vanno vote. E così oimè, ci vediamo annegare e crescere le olìese. di Dio con molli supplicj, ed io vivo stentando: Dio per la sua misericordia tosto