Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

VARIANTI.

239

maha e non mala; perchè taluno ha sospettato che Catullo avesse scritto maga. Il Vossio osserva: Ego vulgarem malui servare lectionem, quæ, nisi fallor, verior et Catullo dignior; cum altera nescio quid putidum suboleat. Il verso penultimo del carme V:

mi par che renda più certa la nostra lezione, che vien d’altronde rassicurata dal v. 28 dell’egloga VII di Virgilio:

Aut, si ultra placitum laudarit, baccare frontem
Cingite y ne vati noceal mala lingua futuro.




LI.


Pag. 166.                                        tenuis sub artus
                    Flamma dimanat.

Tenuis, non tenues, come leggono malamente taluni: tenuis flamma risponde perfettamente all’originale: λεπθον πῦρ.


Ibidem.                                        sonitu suopte
                    Tintinnant aures.


I MS. tinniunt, il Froehlichio tinnitant, il Vossio suapte invece di suopte. Non credo che tinniunt sia detto male, come par che voglia intendere lo Scaligero:tin-