Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/319

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

annotazioni. 313

chi non ha amato giammai può dire soltanto il contrario.

Quando l’amore ha poste radici profonde nel cuore per isbarbicarlo bisogna portar via un brano di questo: sradica una pianta qualunque, porterà con sè la sua zolla. Si ha un bel dire col nostro poeta:

Hoc facies, sive id non potes, sive potes.

Si può riuscire a vincere; ma qual vittoria! S’è vero che l’amore sia malattia dell’anima, è anche vero che, succeduta la crisi, la convalescenza dura per tutta la vita. Il povero Catullo sa tutto questo; perde la fede nelle proprie forze, e si rivolge agli Dei. Gli Dei, poveretti, son destinati a far da comodino ai mortali. Non hai più forza di mal fare? Pentiti bravamente e rivolgiti al cielo:

Sei impotente a resistere a un nemico, a una sventura, a un pericolo? Alza le palme, e prega.... chi? Non lo sai neppur tu, ma non importa: la preghiera è la resistenza estrema del debole: a ciò che l’uomo non può, si dà il nome di Dio.


Pag. 224.          Eripite hanc pestem, pemiciemque mihi.

Così chiama l’insano amore per Lesbia cagione d’ogni suo danno e rovina; chè pestis dissero i Latini ogni male; onde Sallustio appellò i Romani la peste del

Rapisardi 27