Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
316 annotazioni.

sti imbalsamavano i loro re e lì custodivano sotto l’immensa mole d’una piramide; quelli ne faceano tante bistecche e le distribuivano ai loro cani. Quale dei due popoli avea più ragione? Io credo tutti e due: l’uno imprigionava i suoi re in quei giganteschi sepolcri per paura che scappassero e tornassero a regnare; l’altro non faceva che seguire la legge del popolo eletto: chi mangia sarà mangiato.

Arabasgue molles. La ricchezza e la mollezza degli Arabi diventò proverbiale fra’ Romani.

Intactis opulentior
Thesauris Arabum.

I Romani non intendevano amore senza profumi. L’Arabia forniva loro i più eletti e la copia maggiore.

                              Urantur odores
Quos tener e terra divite mittit Arabs.

Tutti i prodotti della profumeria furono infatti compresi dal nome generico di arabicum unguentum. Arabus o arabicum fu detto un olio odorato, di cui le donne e gli effeminati si ungevano le chiome, e che i poeti chiamarono araba rugiada; così Ovidio:

Non Arabo noster rore capillus olet;

ovvero rugiada Sabea, dai Sabei ch’erano i principali trafficanti d’incenso; onde Claudiano:

Thuris odoratæ cumulis et messe Sabæa
Pacem conciliant aræ;

e nella Georgica:

India mittit ebur, molles sua thura Sabei.