Pagina:Cennini - Il libro dell'arte, 1859.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

indice. 205
Capit. CXLVII. ||
In qual modo si coloriscono i visi, le mani, i piedi, e tutte le incarnazioni. ||
 Pag. 100
»CXLVIII. ||
Il modo di colorire un uomo morto, le capellature, e le barbe. ||
 102
»CXLIX. ||
Come dèi colorire un uomo ferito, o ver la ferita. ||
 103
»CL. ||
In che modo si colorisce un’acqua o un fiume, con pesci o senza, in muro e in tavola. ||
 ivi
»CLI. ||
Il modo di fare un buon mordente per mettere d’oro panni e adornamenti. ||
 104
»CLII. ||
Come puoi temperare questo mordente per mettere più presto d’oro. ||
 105
»CLIII. ||
Il modo di fare un altro mordente coll’aglio; e dove sia meglio adoperarlo. ||
 106
»CLIV. ||
Del vernicare. ||
 107
»CLV. ||
Del tempo e del modo di vernicare le tavole. ||
 ivi
»CLVI. ||
Come in corto tempo puoi far parere invernicata una pittura. ||
 108
»CLVII. ||
In che modo dèi miniare e mettere d’oro in carta. ||
 109
»CLVIII. ||
Un altro modo per mettere d’oro in carta. ||
 110
»CLIX. ||
Di un colore simile all’oro, il quale si chiama porporina; e in che modo si fa. ||
 ivi
»CLX. ||
In qual modo si macina l’oro e l’argento, e come si tempera per far verdure e adornamenti, e come si può invernicare il verdeterra. ||
 111
»CLXI. ||
Dei colori che si adoperano in lavorare in carta. ||
 112
»CLXII. ||
Del modo di lavorare in tela o in zendado. ||
 ivi

18