Pagina:Cennini - Il libro dell'arte, 1859.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 indice.
Capit. CLXVIII. ||
Come si lavori in tela nera o azzurra, o in cortine. ||
 Pag. 114
»CLXIV. ||
Come si dee disegnare in tela o in zendado per servigio de’ ricamatori. ||
 115
»CLXV. ||
Del lavorare in zendado palii, gonfaloni, stendardi o altri lavori, e del mettere d’oro diademe o campi. ||
 116
»CLXVI. ||
Il modo di colorire e di mettere d’oro in velluti. ||
 116
»CLXVII. ||
Del lavorare in panno di lana. ||
 118
»CLXVIII. ||
Come dèi lavorare coperte da cavalli, divise e giornee per torneamenti e per giostre. ||
 ivi
»CLXIX. ||
Del fare cimieri o elmi da torneamenti e da rettori. ||
 119
»CLXX. ||
Como dèi lavorar cofani e vero forzieri, e il modo di adornarli e colorirli. ||
 120
»CLXXI. ||
Come si lavorano in vetro, finestre. ||
 122
»CLXXII. ||
Come si lavora in opera musaica per adornamento di reliquie; e del musaico di bucciuoli di penna, e di gusci d’uovo. ||
 123
»CLXXIII. ||
Il modo di lavorare colla forma dipinti in panno. ||
 126
»CLXXIV. ||
A mettere d’oro brunito una figura di pietra. ||
 129
»CLXV. ||
In che modo si può rimediare all’umidità del muro, dove si dee dipingere. ||
 131
»CLXVI. ||
Di due altri modi buoni a questo medesimo effetto. ||
 132
»CLXXVII. ||
Del lavorare camere o logge a verdeterra in secco. ||
 133
»CLXXVIII. ||
Come si può invernicare una tavola lavorata di verdeterra. ||
 134
»CLXXIX. ||
Come, avendo dipinto il viso umano, si lavi e netti dal colore. ||
 ivi