Pagina:Codifica numerica del segnale audio.djvu/318

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
300 Codifica numerica del segnale audio

differenze. Una equazione lineare alle differenze a coefficienti costanti di ordine n è un legame tra tra gli ultimi M campioni dell’ingresso e gli ultimi N dell’uscita del tipo

  (A.12)

A seconda della struttura dell’equazione alle differenze, si possono distinguere tre differenti tipi di sistemi. Se N = 0 (sistema Moving Average: MA), l’equazione alle differenze si riduce a

  (A.13)

Tale equazione non è più ricorsiva, in quanto dipende esclusivamente dall'ingresso. Confrontando tale equazione con quella di definizione della risposta impulsiva di un sistema, si nota come i coefficienti bk/a0 coincidano con i campioni della risposta impulsiva h(k). Posto x(n) = δ(n) si ha che la risposta impulsiva è data da

  (A.14)

ed è di durata finita: il sistema è definito FTR (Finite Impulse Response). Se M = 0 (sistema Auto Regressive: AR), l’equazione alle differenze si semplifica come

  (A.15)

A causa della retrazione dell’uscita, la risposta impulsiva del filtro è di durata finita (sistema IIR: Infinite Impulse Response). Il caso più generale è quello in cui sia M che N non sono nulli. Il sistema è quindi governato dall'equazione alle differenze

  (A.16)