Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


De Falconi, &C. 87 parte, & da l’altra s (ejr trottata ’-una penna de la medefima qualità) chefia netta 3 & intiera,fipipita la mifir.is, e> fi accommoda tagliandola gufila s 3 che non pr eterifica._* tordine degli altri cortelli. poi prefi in poco di fales 3 O* con la fallita dimenatolo <■ un poco, fi mette in ejfa fallita la-* fidetta gucchta. pollarne fi<-uede hagnata 3 Jìcaccia in quella penna tagliata per mi fura 3 st che bene $ acconuenga, efs» fi caccia dentro fin a mezg. poi fatto pigliare l’’uccello fi caccia ne la penna rotta pian piano l’altra parte de la gttcchia, fin chefi appr ejfa più 3 chefi può,l’ina a l’altra penna. & a queflo modo reflano impennati: & 3 fifetido bene acconci, fe ne <-uagltono,come fe non fifijero mai fiati rotti. alcune evolte però rompono le penne più a baffo, & poco lontane^ dal fugo. alhorafà bifognotrouanna penna de la ijìejft-» forte tutta intiera } & datogli neltugo di ejfa penna in taglio per lungo, firingendola con la mano 3 farla-* <~uenir più fittile de l’ordinario; &*■■> battendo fatto pigliar l’iccello, tagliata la penna rotta fin fitto il tuga 3 cacciarli poi dentro ejjo fugo l’altra penna intiera j la quale,perefferfatta fittile 3 entrerà finta ifender iltugo di ejfoicceUo. poi come-» è penetrata a dentro più 3 chefi può 3 conuiene hauer inafibbia fottiliffima 3 & pajfar a trauerfi nel tugo ambedue le-» penne} poi hauer ina penna ben netta de le ali de ia’pernice» £?* canata la fibbiapajfar con lapartefittile di ejfa penna di pernice per tifieffo buco 3 tirarla ierfi ilgrojfo 3 fin thè può ientr es fian piano 3 per non romper ejfo tugo: poi con inaforficetta tagliar di qm,:& di là la penna de la-* v. •> pernice.