Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


8 De la Caccia linzzd hor a deftra, hor <t fmi/ìra rincontro, ’veci!!* inni, ft) prende vngrandiffimo vantalo da loro.si che fa bidono, che elfi di nouo con molta melodia, fatica cadano a ritrovarla. percioche ella con l’iflefa attitudine prontamente ripara al fio[campo, cercando fempre di ncourarfi m quelle felue, ne le quali hanno hauuta continua,&* particolar pratica. ma quanto più fi penfano di ejfer falui?, &fuori di pencolo, tanto maggiormente incorrono in ejjo: perchè fubito nhauuti alalafeìa i leuneri, & acconci t cacciatori a le polle m ogni canto, onde fi giudichi poter vfcirelafaluaticina, mandati ne bofichi, oue fi è faluata, alcuni, che con resoci diano animo a bracchi, a ciò che la facciano rv j cir *T‘» fra breuiffimo tempo e ricacciata da’ cani con grandifjimo firepito di fonore <■voci j a le quali Echo, quafi da dolce insidia fio (finta, molto gratamente nffonde hor da l’vna, borda l’altra parte de le felue con tanta att emione degli affrettanti a varchi 3 che fermati,, come fa fi, immobili a pena re/firare ardifcono. Quiui dopo vn lungo raggirare hor in su, hor ingiù del bofco è la faluaticina sforata da _» gl’infoienti bracchi,che in ogni parte la trauagliano,ad vfc ir del bofco pigliando vìi poco di campo, ftj 3 vfcita da Icj macchie > con l’orecchio fente i bracchicon l’occhio mira-» m ogni parte,fe vede pofiii leurieri minfidie. poficta pure sforzata da’ bracchi, piglia il partito de la campagna: doue attefa a’ varchigli fianca, & fiacca non può con lunga difefa prolungar la vita: fubito morta arnuano con grandi fimi gridi i bracchi; / quali fono fatti infangumare ne la-*