Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


12 De la Caccia fiero, che per fuo fiampo a lui più pronto pare3 incontra cacciatore3 che ardito (tf pronto di mano fintrouiy non fi me de alhora mno (fett acolo degno non di deferto, & folitario luogo 3 ma di ejfer me dato a la prefen^a de’ più famof H eroi? Lafcio di ragionar de le nobili,ancorchéfaticofe cacete>cht-> de’ cerui fi fanno ne la Germania,O* ne la Francia,O* non ne parlo di quelle non meno feroci, che pericolofcj, che «e_s l’Africa di Leoni di Ttgnfi fogliono fare.: ne le quali Muleaffe quel Rè dtTunifi Muleafiè, pofio in fiato da l’inuittijfimo Sfi d quln- Ce f are Car l° Quinto > fioleua ne le ornatifìme loggie de fiuoi io fijWec* giardini reali,come trofei d’inumo malore^ 3 dimofirare a* caccia. maggiori Prencipi,(efi Capitam infiniti cuoi di cornati Leoni mccfi malorofamente ne le cacete di fiua propria mano. @r la caccia del Leopardo a la lepre co sì ejfer citata dal grande Ottomano, e>* dagl’imperatori, che reggono il Romano Impero,non è molto fiupenda, &• artficiofa? ma tralafcio tutte quefte caccie nobili(fimes, ho moluto ragionarfilo di quelle de la nofira Patria _». Onde per tutte quefle ragioni conchiudo, la caccia da correre ejfer la più diletteuolepiù genero fa,che trouar fi ’pojffi». il che molto bene pofio confera Zaffimi* mare con l’efiempio, &gmdicto di Majfimiliano primo lmmo Impe- P er ator di tal n ome de la C afa d’AuHrta, il quale tanto s’mto^dile tfi mo ne G accla > c l Je dopo le Imperiali attioni fiue non ritò de la trouaua altra maggior ncreatione,che quefio ejfercitionobicaccia.. jj come i e mo i te finche, & pericoli, a che fieffoneua, fi può chiaramente comprendere. Che fimedepurej ne le parti d Ifiruch, IUufirtJfimo Contado del Tirolo, in