Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


?4 De la Caccia benigne grafie favorito, & ejfaltato. Queftì dunque r vt debbono ejfer chiari indicij, che la mia avanzi la <vofira-> opinioneCAV AL 1 E. lobo fentito con mio gran con* gli vcceili ^ ef tto La continuafion de folazzi di caccia da r voi con nobi Sliìmeuo- W m<t maniera $ ie g an infieme con gli effempi d’Imperatorie honò ri Rè.nè ciò mi (paventa, poiché dal canto mio (fa ciò rata. detto con buona gratta di ’voi gratiofjfmo Signore) conofo la ragione più certa, &* più efficace. Et fe ben io non la fa prò dire con quell’acconcio, <& leggiadro modo, col quale. havete fatto ’voi s fiero nondimeno, che 1 ‘opinion mia non Jarà da nJoi riprovata. Ma perchè nel dar principio <-voglio rifonder a qvejla •vofìra ’vltima ejfemplar concbiufione^t, Ferdinan- dirò,che fe Ferdinando il Catohco Rè di Spagna, & Verdi Spanni!?* nando Imperatore fi hanno dilettato di quefìa caccia di corq T«ò de ^ ^ m nm dannata ) non è però,che non habbiano fenla 1 caccia! tlt0 molto maggiore il gufo de la caccia de Falconi. Et,fi de’ falco- come per l’altrui relationebò tntefo, Ferdinando Rè fùdi Ferdinan- grlunga più inchinato a le cacete degli <vccelh, che a quaratorequi lun T M altra f orte dt Meta. ma non ho con gli occhi proprij lofi dii et- ’veduto io Ferdinando Imperatore >pofiofie le caccie nobilif da de’fa! fi me de le fiere, già con difiendio grandiffimo ordinate,’ve° Forando nir ì ènecon.fimmo affetto, & defiderio a ’vedere i nobiliffi Re di Na- m 1 de falconi così di riviera,come d’airone? che più? tofiS Aerando d’Aragona ultimo Rè di Napoli di tal nome,mento de u irepivgagliardamente^ fu da’ Francefitravagliato per lo ■ fSi de J iiieiU degno dt Napoli, tanto diletto hebbe del-volo de Falconi, che melìremi pericoli fi efioneua per godere di ejf<$ caccia,