Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/68

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


5 <S De la Caccia ’nwttrr etite fio i ti -, & 1 migliorì, che fipcjfano trottare. tre ne è alcuno,che dà Juapofia, & fenica traimrefie ne ’và a lairone-j. & qttefii fono molto eccellenti: perchè janno tutti

  • partiti. 1 fidimi Muderamiy che pajfano là feconda muta,

fino rvnpoco vfiinaU } <t 9 * difficili da far fi. ma chi ha molta paUenza,gh fà mtracolofijficialmente di nuiera. per cono Falconi fa* rvn f^ cone muderameyche fia di prima muta, fi è pellemuderà- grino,temrà fimpre <~uno, ò due cartelli per ala fori, cioè il me fi co- ■q m nto,cy‘ là nrltima penna de le ale detta da noi fi adetta, nofeano onero la fia detta fola,& ne la coda t entra due, tre,&fin mute 2 fi” quattro penne fiore;fipra le reni poi molte piume fi>re,& così no * di fipra ne la, efirermtd de le alt s qualch’wna anco per leu* fchiena, & dinanzi.siche è facilcofi a Cono ferii di prima muta. ma fi fono di feconda muta, fi zrede ancora qualche piuma fora,fiecialmente fipra le rem: &puo efjerne ancóra alcuna ne la efiremità de l’ala fipradetta; & cori ne la te (da mofira ancora "un poco di ciufifietto bianco,& il porrettv, eh tigli ha ne le nari,fi zoede ficcato, & frefico, & il piede ancora bianco. ma Je ilfalcóne è di terza muta,fi può ben far congettura,ma non già che fi pójfa a fatto mdouin are: perchè, ancorché murai 0 fia, dimofira purè <-unpoco di frefcbez$a,& hà la coda ancora ajjallunga. quelli nveramente, c hanno la quarta,quinta mutaj<ùr che anco ’-vecchiffirni fono,hanno la codapicciola,le penne frette il porrei to ne le nari frujh a fatto, (djr che a pena fi r vede <zm poco: hanno 1 piedi tanto molli,O* lucidi, che a pena la mano, che gli tocca,può fientir co fa più delicata, O* morbida _>:& quanto