Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

c a n t o   iv. 101   

127Posasi ’n esso, come fera in lustra,
     Tosto che iunto l’ à; et iunger pollo:1 2
     Se non, ciascun disio serebbe frustra.3
130Nasce per quello a guisa di rampollo
     A piè del vero il dubbio; et è Natura,
     Ch’ al sommo pinge noi di collo in collo.4
133Questo m’invita, questo mi sigura5
     Con riverenzia, donna, a dimandarvi6
     D’ un’ altra verità, che m’ è oscura.
136Io vo saper, se l’ om può sodisfarvi
     Ai voti manchi sì con altri beni,
     Ch’ a la vostra statera non sian parvi.
139Beatrice mi guardò co li occhi pieni
     Di faville d’ amor, con sì divini,
     Che, volta mia virtù, diede le reni,
142E quasi me perdei colli occhi chini.

  1. v. 128. giunto l’ à; e giunger puollo:
  2. v. 128. Pollo; po quello o ciò. In antico si disse po; ma oggi si accetta solo può o puote. E.
  3. v. 129. C. A. ogni disio sarebbe
  4. v. 132. Collo; colle, per una certa ragione d’ uniformità ridotto alla desinenza in o, come confessoro e confessore, mantaco e mantace. E.
  5. v. 133. C. A. mi assicura
  6. v. 134. C. A. con revenza

___________


C O M M E N T O


Intra du’ cibi distanti, e moventi; ec. In questo quarto canto lo nostro autore finge come per le cose dette di sopra elli era intrato in due dubbi li quali equalmente lo movevano, e per ciò non sapeva da quale incominciare; ma Beatrice cheli vidde quelli dubbi nella mente, lieli solve amenduni 1. E però questo canto si divide in due parti: imperò che prima finge come, stando equalmente desideroso di dichiararsi di due dubbi e non sapendo 2 da quale dovesse incominciare: tanto era lo desiderio equale, Beatrice rincominciò a par-

  1. C. M. mente, li solveo amburo.
  2. C. M. sapendo delibere da