Pagina:Commedia - Paradiso (Imola).djvu/39

Da Wikisource.



canto


1.

‘diversamente nell’ acqua. unde se movon ille nature a diverse parti per lo gran mare de tessere onde quegli enti o nature si:movoflo a parli diverse nel creato, il fuoco in su, l’acqua e ra terra in giù e ciascna natura od ente si move con istinto a lei dato che la porti con istinto che la trasporta al suo finc. Non vi è un ente mancante di,. forma essenziale costituente il suo essere, e questa forma ha qualche operazione essenziale, e questa operazione essenziale ha qualche fine, ch’ è il bene di quella natura. Questi questo istinto ne porta itjQco in ver la luna ad imitazione del moto del cielo: questi uest’ istinto ee promobr nei coi’ mortali ministrando il cuore il moto, a tutte le altre membra, e cessando il qual moto, cessa la vita, ovvero move il cuore degli uomini al desiderio del sommo bene: questi istinto stringe et aduna la terra in se. Gli elementi inferiori sono materia rispetto ai superiori, che sono forma- tori e quasi spirituali rispetto ai primi: ecco perchè il fuoco è sottilissimo e semplicissimo. L’aria è meno semplice, e penetra e riempie meno del fuoco. L’acqua è più materiale e poco riempie fluendo sempre 1’ umido; e la terra rnaterialissima ha parti che tendono al centro, e vi si comprimono; e la terra dicesi il centro di tutte le sfere e del mondo. L’ istinto, parimenti governa anche le anime ne per questo arco istinto, forza istintiva detto arco perchè a guisa delL’arco diriggc il dardo allo scopo saetta colpisce non pur le creature che son fuor de inklligentia i bruti che non hanno intelletto ma quelle che hanno intellecto et amore ma gli angeli ancora, e gli uomini. La provvidentia che cotanto assecta la divina provvidenza che mette in ordine tutte quante cose fa il Ciel sempre quieto del suo lume fa sempre contento e quieto il cielo cmDigitized by Google