Pagina:Commedia - Purgatorio (Tommaseo).djvu/19

Da Wikisource.


CANTO I. Il 20. Questi non vide mai T ultima sera; Ma, per la sua follia, le fu sì presso, Che molto poco tempo a volger era. 21. Si com'i' dissi, fu' mandato ad esso Per lui campare: e non c'era altra via Che questa per la quale i' mi son messo. 22. Mostrata ho lui tutta la gente ria: E ora intendo mostrar quegli spirti Che purgan se sdito la tua balia. 23. Com' i' r ho tratto, saria lungo a dirti. Dell'alto scende virtù che m'aiuta Conducerlo a vederti e a udirti. 24. Or ti piaccia gradir la sua venuta. Libertà va cercando; eh' è sì cara , Come sa chi per lei vita rifiuta. 25. Tu '1 sai: che non ti, fu, per lei, amara In Utica la morte, ove lasciasti La veste, che al gran dì sarà sì chiara. 2(3. Non son gli editti eterni, per noi, guasti: Che questi vive, e Minós me non lega; Ma son del cerchio ove son gli occhi casti 27. Di Marzia tua, che in vista ancor ti prega, santo petto, che per tua la tegni. Per lo su' amore, adunque, a noi ti piega. 20, (L) Sgya ; morie. — Ero, perch'e' quella Virtù, per cu' io muovo Li morisse. passi miei per sì selvaqqia strada. (SD Sera. L'Ariosto, d' Enoch e —Aiuta. Omesso \'a. Cavalca: M'aiuta d'Elia : Che non han visto ancor l'ul- lodare Iddio. — Conducerlo. Mn., vi : lima sera. Sed me cum lucis Uecate praefecit (V) Presso. Ad Corinl., I, XV. 56: Avernis, Ipsa Dtùm poenat docuil , Slimolo della mone il peccalo. Psal. perque omnia duxit. CXIV, 3: Pericoli d'inferno mi col- 24. do Sa: sai lu. sero. 23. (L) Veste: corpo. — Dì del giu- 81. (L) Questa : il Umor della pena, dizio (F) Via. Conv.: Questo cammino (SL) Gran. Inf,, VI, l. 35: Dopo si perde per err,ìre come le strade la gran sentenza f e Purg., X, l. 23 della terra. Psal. 1, 4 : Via peccato- (F) CC] Gran. Jocl, II, 3<: Dies riioi, e simili, nella Uibbia spesso. Domini maqnus. — Chiara. [C] Ad 23. IL) Lui: a lui. ~ natia: pò- Philipp, III, ai: Re formabit corpus leslà- humitiiatis nosirae , conliguraium (SD Ralla. Som.: La potestà corporl clariiaiis suae. del balio é governala da quella del 36. (L) Questi: Danle. — Lega in re. 1 selle regni di Calotie non sono Inferno. — Cerchio..: Limbo, duncjue di lui ; ma come il «overna* 27. (L) Vista: pare li prexhj. lore suol dire: la mia provincia. (SD iWarzia. Per comando di Ca- 25. (SL) V/r;»V. Inf., XII: .Ma, per ione, suo malgrado, and* moglie di